Max Kozloff

Max Kozloff fotografo

Max Kozloff

Max Kozloff nasce Chicago, Illinois, il 21 giugno 1933 ed ha inizia la sua formazione professionale non come fotografo ma come storico dell’arte. Negli anni 50, ha frequenta l’Università di Chicago, ed ha conseguito il Bachelor of Arts e poi il Master of Arts in Art History nel 1958.

Kozloff ha anche studiato presso l’Institute of Fine Arts della New York University dal 1960 al 1964. Nel 1967, ha sposato l’artista Joyce Kozloff, da cui ha avuto un figlio, Nikolas. Altri cenni relativi la sua formazione scolastica – L’Università di Chicago (The College) – B.A., 1953; Storia dell’Arte, M.A. 1956-8) – Institute of Design, Chicago, 1953 – The Art Institute of Chicago, 1953 – Institute of Fine Arts, New York University, 1959-63

 

 

ATTIVITÀ DIDATTICHE

Università di Chicago, Centro città, 1958-59

Cooper Union, New York, 1959-60

Washington Square College, New York

Università, 1960-61

Federazione Americana delle Arti, Workshop

In Art Criticism, New York, 1965

Queens College, City University di New York, 1968-69

Università dell’Indiana, 1970

California Institute of the Arts, Burbank, 1971

Università del New Mexico, Albuquerque, 1976

Università di Yale, 1978

Chicago Art Institute, 1981

Philadelphia College of Art, 1983

Università della California, San Diego, 1984

Università del New Mexico, Albuquerque, 1985

Università della California, Los Angeles, 1988

School of Visual Art, New York, Programma Master

In fotografia e media correlati, 1989-2000

Università di Yale, 2005

 

 

ATTIVITÀ DI SCRITTURA

Art Column, The Nation, 1961-68

Corrispondente di New York, Art International, (Lugano), 1961-64

Editore associato e collaboratore, Artforum, 1963-74

Posizione editoriale: Executive Editor, Artforum, 1974-76

 

 

 

CONTRIBUTI AI GIORNALI

Commento, Rassegna partigiana, Incontro, Notizie d’arte, Arte in America, Film trimestrale, Cultura cinematografica, Vista e suono, New York Herald Tribune, Revue des Arts (Parigi), Aperture, Artforum, Luce / Vision (Australia), Plurale (Messico ), Fotografia europea (Germania), Creative Camera (Londra), Parkett (Zurigo), Primo piano, Vogue, Arte americana, Arte canadese, New York Times, Los Angeles Times, Arte su carta, Parnassus Poetry in Review, Museo di arte contemporanea , Los Angeles

Numerosi saggi per monografie di libri, tra cui John Gutmann, LeonLevinstein, Peter Hujar, Larry Fink, Saul Leiter, Philip Perkiss, Jessica Dimmock, Frank Paulin Charles Traub

LIBRI PUBBLICATI

Jasper Johns, Abrams, 1969

Jasper Johns, Abrams. (nuovo testo), 1972

Rendering, saggi critici su un secolo di arte moderna, Simon e Schuster, 1969

Cubismo / Futurismo, Certosa, 1972

Fotografia e fascino, Addison House, 1979

The Privileged Eye, University of New Mexico Press, 1987

Duane Michals, Now Becoming Then, Twelvetrees Press, 1991

Lone Visions Crowded Frames, University of New Mexico Press, 1994

Impulsi coltivati ​​Saggi sul declino delle avanguardie, Marsillio, 2000

Capitale della fotografia di New York, Jewish Museum, New York e Yale University Press, 2002

I newyorkesi visti da Magnum Photographers, Photographers, Powerhouse, 2003

The Theatre of the Face Portrait Photography Dal 1900, Phaidon,
2007; Edizione francese: Le Jeu du Visage, Phaidon, 2008

Vermeer, A Study Contrasto, 2010

New York Over the Top, Contrasto, 2013

Saul Leiter Early Black and White, Steidl, 2014

 

ONORI, RICONOSCIMENTI, SOVVENZIONI, DIPENDENTI

Pulitzer Fellowship in Critical Writing (Parigi), 1962

Fulbright Fellowship, Parigi, 1962-63

Frank Jewett Mather Award for Art Criticism, 1965

Ingram-Merril Award for Art Criticism, 1966

Fellowship Guggenheim nella storia della scrittura critica, 1968

Grant Grant for Art Criticism, 1973

The Reva e Dave Logan Grant per la scrittura sulla fotografia, 1983

Grant della NEA per la scrittura critica, 1984

Il Centro internazionale del premio fotografico per l’eccellenza nella scrittura sulla fotografia, 1990

SPETTACOLi DEL GRUPPO

University Art Museum, Università del New Mexico, 1978

Farbewerke, Kunstgewerbe Museum, Zurigo, 1979

Fatti e opinioni foto, Galleria Addison of American Art, Andover, Massachusetts 1981

Lichtbildnisse, Das Portrat in der Fotografie, Rheinische Landmuseum, Bonn, 1982

Colore come forma: storia della fotografia a colori, Museo internazionale della fotografia, 1982

Quattro artisti americani, Zabriskie Gallery, Parigi, 1983

Hecho in America latina, Casa de las Americas, L’Avana, 1984

City Lights, Goldsmith College, Londra, 1987

Il Messico visto attraverso gli occhi stranieri, Museo Rufino Tamayo, Città del Messico, 1993

Hope, The National Arts Club, New York, 1997

 

Max Kozloff fotografo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *