page-header

Marcelo Brodsky

Marcelo Brodsky Photographer

Bio

Marcelo Brodsky (1954) vive e lavora a Buenos Aires, in Argentina

L’artista e attivista per i diritti umani, Marcelo Brodsky, dovette andare in esilio dall’Argentina a Barcellona (Spagna) come conseguenza del colpo di stato militare del 1976.

Qui studiò Economia all’Università di Barcellona e fotografia al Centro Internazionale di Fotografia. Il suo insegnante era il fotografo catalano Manel Esclusa.

Durante il suo esilio in Spagna, fece delle foto che immortalarono lo stato psicologico causato da quella migrazione. Nel 1984, quando la dittatura militare finì, tornò in Argentina e nel 1986 fece la sua prima mostra fotografica individuale (Words).

In occasione del 20 ° anniversario del colpo di stato militare nel 1996, ha ideato Buena Memoria, un saggio visivo che tratta della memoria collettiva durante gli anni della dittatura, ispirato dalle emozioni e dalle esperienze personali di coloro che l’hanno vissuto.

Situato al confine tra installazione, performance, fotografia, monumento e monumenti, le sue opere combinano testo e immagine. Buena Memoria è stata esposta più di 250 volte individualmente o in gruppi, in tutto o in parte, negli spazi pubblici e nelle istituzioni di tutto il mondo.

Il suo prossimo lavoro, Nexo, è stato esposto al Recoleta Cultural Center nel 2001, al Salvador Allende Solidarity Museum in Cile e in altri luoghi. Corrispondenze visive, opere costituite da dialoghi visivi con altri artisti come Martin Parr, Manel Esclusa o Pablo Ortiz Monasterio sono state esposte in Argentina, Cile, Brasile e Messico.

La consultazione del dott. Allende, condotta insieme ad Arturo Duclós, è stata esposta al Museo della memoria e dei diritti umani di Santiago del Cile. Marcelo Brodsky

Successivamente ha pubblicato il suo romanzo fotografico Novel @ 9: 53, prodotto con Ilan Stavans, che combina reportage e finzione. Marcelo Brodsky

Nel 2014 ha pubblicato Tree Time, un saggio visivo che affronta il rapporto con la natura come mezzo di guarigione.

Nel 2013 ha prodotto I pray with my feet, un’opera dedicata alla memoria del rabbino Marshall Meyer, che propone una linea diretta tra il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti e il movimento per i diritti umani in Argentina attraverso lo stretto relazione tra Rev.

Luther King e il rabbino Abraham Joshua Heschel, mentore di Meyer. Founding Myth è un’installazione visiva di tre mappe intervenute, con immagini e testi cuciti a mano per costruire un approccio narrativo al conflitto sociale e il processo di pace iniziato in Colombia, è stato esposto a ARTBO2014 e nella Sala dell’Arte del Banco Santander de Sao Paolo. Marcelo Brodsky

Il 1968, il fuoco delle idee, è un’opera finora composta da 18 immagini d’archivio intervenute a mano, sulle mobilitazioni degli studenti e dei lavoratori avvenute in tutto il mondo alla fine degli anni ’60, è stato esposto ad Arteba 2015, alla Tufts University Art Gallery, HF Fine Art a New York, alla mostra collettiva Ex Machina Archive a San Paolo e alla Rolf Art Gallery, Buenos Aires. Marcelo Brodsky

Marcelo Brodsky è membro dell’Asociación Buena Memoria, un’organizzazione per i diritti umani, e del Consiglio di gestione del Parque de la Memoria, vicino al Rio de la Plata, in omaggio alle vittime del terrorismo di stato.

Nel 2008 Marcelo Brodsky ha ricevuto il Premio per i diritti umani, assegnato da Bnai Brith Argentina. Nel 2014 ha ricevuto il Jean Mayer Award dal Tufts University Global Leadership Institute.

Nel 2014 ha fondato Visual Action / Acción Visual, un’organizzazione dedicata all’integrazione della cultura visiva nelle campagne sui diritti umani e lavorando sull’educazione visiva: www.visualaction.org.

Nel 2015 ha curato “Visual Action – Ayotzinapa”, una mostra fotografica internazionale in solidarietà con Ayotzinapa “, che è permanentemente esposta alla Raúl Isidro Burgos Rural Normal School, Ayotzinapa a Tixtla, Guerrero, e che è stata temporaneamente esposta presso Università Autonoma dello Stato di Morelos, in Messico, nel Collegio Nazionale di Buenos Aires, nella Facoltà di Filosofia e Lettere dell’Università di Buenos Aires, in Argentina e in una mostra nello spazio pubblico organizzata dal Centro fotografico della città di Montevideo, Uruguay. Marcelo Brodsky

Le sue opere fanno parte delle collezioni del Museum of Fine Arts di Houston, London Tate Collection, Metropolitan Museum of Art, New York, Jewish Museum, New York, National Museum of Fine Arts, Argentina, Museum of Modern Art of Buenos Aires, Centre per la fotografia creativa di Tucson, in Arizona, Sprengel Museum di Hannover, Museo della memoria e dei diritti umani di Santiago del Cile, Museo MALI di Lima, Museu de Arte Moderna do Rio de Janeiro, Pinacoteca del Estado de SP, Museo d’arte di Princeton ,, Tufts University Art Collection, ecc.

Marcelo Brodsky Photographer

Portfolio

Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky 1
Marcelo Brodsky 2
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky 3
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky
Marcelo Brodsky

Contacts

 

Marcelo Brodsky 4

IL MATERIALE DEL PRESENTE ARTICOLO E’ DERIVATO DA UNA RACCOLTA MULTIPLA RICAVATA DA ARTICOLI ED IMMAGINI DI DIVERSE  FONTI E SITI UFFICIALI E DA NOI ELABORATO E RAGGRUPPATO PE COMPATTARE AL MEGLIO LE DIVERSE INFORMAZIONI PRESENTI IN RETE

ISTANTIDIGITALI FOTOGRAFI