page-header

Isabel Steva “Colita”

Colita

Isabel Steva

Isabel Steva “Colita” è nata a Barcellona, ​​nel cuore del quartiere dell’Eixample, il 24 agosto 1940, all’epoca della siesta.

Ha studiato fino all’età di 17 anni presso la scuola Sagrado Corazón e, dopo aver terminato il diploma pre-universitario in lettere, si è trasferito a Parigi per un anno per studiare civiltà francese all’Università della Sorbona.

Al suo ritorno a Barcellona, ​​incontra i fotografi Oriol Maspons, Julio Ubiña, Francesc Català Roca e Xavier Miserachs, da cui apprende il “mestiere” e diventa una fotografa professionista, sebbene abbia sempre considerato Paco Rebés come il suo “scopritore” e mentore.

PER VISUALIZZARE IL PORTFOLIO DI COLITA VI ALLEGHIAMO IL LINK AL SUO SITO UFFICIALE DOVE TROVERETE MOLTISSIMI CONTENUTI INTERESSANTI

https://www.colitafotografia.com/

Colita_Isabel Steva_4015

Colita_Isabel Steva_4019

Nel 1962, ha lavorato nell’archivio dei personaggi del film Los Tarantos (Rovira Beleta, 1963) ed è diventato amico del suo protagonista, la grande ballerina di flamenco Carmen Amaya.

Il suo amore per il flamenco la porta a Madrid, dove si è stabilita per due anni. Scatta le foto promozionali di Antonio Gades e La Chunga.

Il risultato di questo periodo e di un viaggio nel sud della Spagna è il suo libro Luces y sombra del Flamenco (editoriale Lumen) con un testo di José Caballero Bonald, ripubblicato e ampliato nel 1998 (Fundación José Manuel Lara).

Isabel Steva "Colita" 1

Isabel Steva "Colita" 2

Il desiderio del Mediterraneo e della sua città natale la riporta a Barcellona. Furono gli ultimi anni del francoismo e collaborò con la stampa progressiva del momento, mettendo in evidenza Fotogrammi, Tele-Expres, Mundo Diario, Destino.

La sua prima mostra fu Evocaciò del Modernisme, (College of Architects, 1965), un collettivo di artisti plastici: Argimón, Colita, Curós, Jordi Galí, Guinovart, Oriol Maspons, Ràfols Casamada, Tharrats e Román Vallès, a cura di Cesáreo Rodríguez Aguilera .

La stampa si alterna alla fotografia cinematografica, collaborando con la cosiddetta Scuola di Barcellona (Vicente Aranda, Jaime Camino, Jacinto Esteva, Carles Duràn, Gonzalo Suárez, ecc.), Una tendenza cinematografica che si pone a Barcellona con l’ambizione di realizzare un cinema di Corte europea e progressista, in contrapposizione alla cinematografia “ufficiale” del francoismo.

Questo gli dà l’opportunità di lavorare con i migliori cineasti del momento, come Luis Cuadrado, Juan Amorós, Fernando Arribas, ecc.È specializzata in ritrattistica ed è considerata una dei fotografi del cosiddetto Gauche Divine (gruppo di professionisti, intellettuali e artisti dell’epoca), con detta collezione di ritratti, tiene una mostra presso la galleria Aixelà (1971), che è stata sponsorizzata da Boccacio e il suo promotore Oriol Regàs.

È stata la più breve esposizione della sua carriera professionale. È stato chiuso il giorno successivo dalla polizia.Nel 1967 ha collaborato a stretto contatto con l’etichetta Edigsa e il movimento La Nova Cançó, realizzando campagne di stampa e promozione, copertine di album, poster, ecc. Guillermina Motta, Núria Feliu, Ovidi Montllor, Raimón e Joan Manuel Serrat sono alcuni degli artisti più fotografati dall’autore.

Isabel Steva Colita_1966 PUERTO DE BARCELONA

Isabel Steva Colita_1966 PUERTO DE BARCELONA

Nel 1998 questa collaborazione si concretizzò nella mostra El Serrat de Colita.La sua passione per il romanzo poliziesco e misterioso spinge Beatriz de Moura, direttore di Tusquests Editores, ad affidarle la collezione Serie Negra, che combina con la direzione del dipartimento di fotografia della rivista Feminist Vindication fino al 1978.Durante la transizione democratica, collabora con Interviu, Reporter, Notebooks for Dialogue, La Calle, Boccaccio, ecc.

Colita, in 40 anni di professione, ha realizzato più di 40 mostre e pubblicato più di 30 libri di fotografia, tra cui: Una tumba, Els Cementiris de Barcelona, ​​Antifémina, La meva Cançó, Els Barcelonins

…Dopo l’arrivo dei comuni democratici e la scomparsa del francoismo, si è specializzato nel fotografare la sua città, Barcellona e la sua area metropolitana, mostrandone i cambiamenti e l’evoluzione e riflettendo sempre la vita culturale e sociale della Catalogna.

Il suo lavoro è nella collezione del Museu Nacional D’Art de Catalunya (MNAC) e parte del suo vasto lavoro, è depositato nell’Arxiu Nacional de Catalunya, nell’Arxiu Municipal de Barcelona, ​​nell’Institut del Teatre, la Fundació Campalans, la Fondazione Brossa e la Filmoteca de Catalunya.Nel 1998, il consiglio comunale di Barcellona ha imposto la medaglia d’oro al merito artistico, insieme ai fotografi Oriol Maspons e Leopoldo Pomès, e nel 2004 ha ottenuto il Creu de Sant Jordi, assegnato dalla Generalitat de Catalunya, essendo il suo presidente Pasqual Maragall .

Avrebbe curato la mostra Pioneering Photographers in Catalonia (2005), al Palau Robert di Barcellona, ​​insieme alla storica Mary Nash, aprendo una finestra per il recupero di fotografi dimenticati.

Nel 2009 ha ricevuto il premio Joan Reventós per la memoria popolare dalla Fondazione Rafael Campalans; FAD of Honor Sebastià Gasch of Parateatral Arts e il premio per la comunicazione non sessista, assegnato da Dones Periodistes.Il suo lavoro è nella collezione del Museo Nazionale d’Arte della Catalogna e nella collezione permanente del Museo Reina Sofía.FAD Medal 2012, un premio che dal 1928 distingue ogni anno il riconoscimento del lavoro e della carriera

Isabel Steva “Colita”

https://www.colitafotografia.com/index.html

ISTANTIDIGITALI

IL MATERIALE DEL PRESENTE ARTICOLO E’ DERIVATO DA UNA RACCOLTA MULTIPLA RICAVATA DA ARTICOLI ED IMMAGINI E CONTENUTI DEL SITO UFFICIALE  DA NOI ELABORATO E RAGGRUPPATO PE COMPATTARE AL MEGLIO LE DIVERSE INFORMAZIONI PRESENTI IN RETE

MATERIALE E CONTENUTI 

 

Isabel Steva “Colita”

https://www.colitafotografia.com/index.html

ISTANTIDIGITALI

IL MATERIALE DEL PRESENTE ARTICOLO E’ DERIVATO DA UNA RACCOLTA MULTIPLA RICAVATA DA ARTICOLI ED IMMAGINI E CONTENUTI DEL SITO UFFICIALE  DA NOI ELABORATO E RAGGRUPPATO PE COMPATTARE AL MEGLIO LE DIVERSE INFORMAZIONI PRESENTI IN RETE

 

 

ISTANTIDIGITALI | tutto sulla fotografia

Isabel Steva “Colita”

BACK

tutto sulla fotografia  |  scopri i contenuti del nostro sito | ISTANTIDIGITALI 

IL MATERIALE DI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI  E’ DERIVATO DA UNA RACCOLTA MULTIPLA RICAVATA DA ARTICOLI ED IMMAGINI DI DIVERSE  FONTI E SITI UFFICIALI E DA NOI ELABORATO E RAGGRUPPATO PE COMPATTARE AL MEGLIO LE DIVERSE INFORMAZIONI PRESENTI IN RETE

news fotografia

MAGNUM FOTOGRAFIA

LA FOTOGRAFIA DI ” CONTRASTO “

LA BIENNALE DI VENEZIA FOTOGRAFIA