Helmut Newton

Helmut Newton

fashion photographer

 

EN- Helmut Newton, pseudonym of Helmut Neustädter (Berlin, October 31, 1920 – West Hollywood, January 23, 2004), a German fashion photographer, naturalized Australian, known in particular for his studies on the female nude. The famous photograph “Les Nus et le Vetus” taken for Vogue in 1981, is emblematic of how his eye irreverent by “professional voyeur” rewrote the old aesthetic codes embalmed, revolutionizing fashion photography in the 70s. No longer a dream to sell, imprinted on the glossy pages of the most important trade magazines, but fantasies rework, on which baste dreams in freedom. His is a world totally freed from the conventions moralizing, by conformism and hypocrisy and, at the same time, is full of ambiguity and complexity existential; dominated by the fascination for the beauty, attracted by the power of feminine seduction, inexhaustible sources for his creative process and his erotic imagination, as a filter processing to coin a fantastic photographic language, which draws on the real. It ‘a universe populated with references ranging from the history of painting to cinema, the literary suggestions, so as to recreate some famous shots the sense of a story that goes far beyond the instant photo. Before his white/blacks thwarted, carved by the skilful play of lights, you have the feeling of being in the presence of a scene Visconti, where every detail is designed to perfection and nothing is superfluous. And it ‘its culture of man of the twentieth century, upper-class German Jewish child, grew up between solicitations literary, artistic avant-garde and reminiscences nineteenth century, to emerge between the lines of his elegant compositions. Roots and identity that finally broke in the winter of ’38 to escape the Nazi raid, leaving behind the remembrance of Berlin, site of the soul and of lost dreams, the sweetness of his mother and the pastel colors of his clothes satin. Then the flight to Australia, meeting with June (future Alice Spring), the passion for photography noire and Metro of Weegee, the return to Europe and the consecration in Paris. The harsh light, the composition prepared, the strong contrasts in perfect balance with each other, the focus of the particular strong and evocative and symbolic characterize his style, which over the years will be ever more more refined, keeping his writing unmistakable and inimitable. The feelings are excluded from the field of view.

IT – Helmut Newton, pseudonimo di Helmut Neustädter (Berlino, 31 ottobre 1920 – West Hollywood, 23 gennaio 2004), un fotografo di moda tedesco, naturalizzato australiano, famoso in particolare per i suoi studi sul nudo femminile. La celebre fotografia “Les Nus et le Vetus” scattata per Vogue nel 1981, è emblematica di come il suo occhio irriverente da “voyeur professionista” ha riscritto i vecchi codici estetici imbalsamati, rivoluzionando la foto di moda negli anni’70. Non più un sogno da vendere, impresso sulle pagine patinate delle più importanti riviste di settore, ma fantasie da rielaborare, sulle quali imbastire sogni in libertà. Il suo è un mondo totalmente liberato dalle convenzioni moraleggianti, dai conformismi e dalle ipocrisie e, nello stesso tempo, è pieno di ambiguità e di complessità esistenziali; dominato dal fascino per la bellezza, attratto dal potere della seduzione femminile, fonti inesauribili per il suo processo creativo e il suo immaginario erotico, come filtro di elaborazione per coniare un linguaggio fotografico fantastico, che attinge al reale. E’ un universo popolato di riferimenti che spaziano dalla storia della pittura alla cinematografia, alle suggestioni letterarie, così da ricreare in alcuni celebri scatti il senso di un racconto che va ben oltre l’istante fotografico. Davanti ai suoi bianco/neri contrastati, scolpiti dal gioco sapiente delle luci, si ha la sensazione di trovarsi al cospetto di una scenografia viscontiana, dove ogni dettaglio è studiato alla perfezione e nulla è superfluo. essa E’ la sua cultura di uomo del Novecento, figlio dell’alta borghesia ebraica tedesca, cresciuto fra sollecitazioni letterarie, avanguardie artistiche e reminescenze ottocentesche, ad affiorare fra le righe delle sue eleganti composizioni. Radici ed identità che si spezzarono definitivamente nell’inverno del ’38 per sfuggire alla razzia nazista, lasciandosi alle spalle il ricordo di Berlino, luogo dell’anima e di sogni perduti, la dolcezza di sua madre e le tinte pastello dei suoi abiti di satin. Poi la fuga in Australia, l’incontro con June (futura Alice Spring), la passione per la fotografia noire e metropolitana di Weegee, il  ritorno in Europa e la consacrazione a Parigi. La luce cruda, la composizione elaborata, i forti contrasti in perfetto equilibrio fra di loro, la messa a fuoco dei  particolari dal forte potere evocativo e simbolico caratterizzano il suo stile, che negli anni andrà sempre più affinandosi, mantenendo la sua scrittura inconfondibile e inimitabile. I sentimenti restano esclusi dal campo visivo.

helmutnewton.com

ml_helmut-newton_02_110photo-from-web

helmut-newton

helmut-newton

helmut-newton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *